Levigatrice orbitale: tutte le info che cercavi le troverai qui

levigatrice orbitaleTi stai chiedendo quale sia l’utilità della levigatrice orbitale?
Vuoi scoprire i prezzi ma anche delle eventuali offerte? 
Valutare i migliori modelli?
Bene, sei nel posto giusto. Qui potrai avere una risposta a tutte queste domande e non solo, visto che parleremo anche di altri argomenti sempre inerenti al mondo delle carteggiatrici orbitali.

 

 

Il nostro articolo inizia subito con tre offerte, così i meno interessati alla lettura totale dell’articolo potranno già valutare se tra questi tre modelli c’è la levigatrice orbitale adatta alle proprie esigenze.

 

Ultimo aggiornamento: 17 ottobre 2018 17:51

 

Le migliori levigatrici orbitali

Dopo le offerte avrai adesso l’opportunità di valutare le migliori levigatrici orbitali. Queste carteggiatrici sono state scelte in base al rapporto qualità prezzo. Di tutti e tre i modelli descritti in basso potrai leggere delle approfondite recensioni. Leggendo le medesime potrai valutare anche il loro costo di acquisto e, nel caso fossi intenzionato a comprarle, potrai visitare il sito dove procedere con l’acquisto.

Miglior levigatrice orbitale economica: consigliamo la Black+Decker KA320EKA QS

Tra i modelli meno costosi segnaliamo la Black+Decker KA320EKA QS (clicca sul link per la recensione completa e il prezzo).
Nonostante il suo prezzo sia ampiamente alla portata e il suo uso sia destinato all’area hobbistica, è una levigatrice abbastanza completa. Infatti, tra le sue funzioni segnaliamo la presenza del doppio sistema di fissaggio della carta abrasiva (sia quello standard che quello a velcro) e la possibilità di modificare la velocità. Tra l’altro è un utensile accessoriato, visto che in dotazione vi sono già: sacchetto raccoglipolvere, valigetta e 5 fogli abrasivi.

Miglior levigatrice orbitale per hobbisti esigenti: consigliamo la Makita BO3711

Per gli hovbbisti che esigono un prodotto più performante del precedente (conseguentemente anche un po’ più costoso) non possiamo non segnalare la levigatrice orbitale Makita BO3711 (clicca sul link per leggere tutta la recensione e valutare pure il prezzo).
Anche in questo caso vi è la possibilità di modificare la velocità, ma in più questa carteggiatrice riesce a mantenere la velocità costante anche quando si eseguono lavori sotto carico. Ecco perché la consigliamo non solo per gli hobbisti esigenti, ma anche per i semiprofessionisti.

Miglior levigatrice orbitale professionale: consigliamo la Bosch GSS 23 AE

Per usi professionali la nostra scelta (ma anche quella di molti professionisti) ricade sulla Bosch GSS 23 AE. Modello che fa parte della linea Bosch Professional (linea di prodotti realizzati per gli usi più impegnativi e duraturi). Di questa carteggiatrice apprezzerai il sistema di tensionamento automatico della carta, le bassissime vibrazioni prodotte, la lunga durata di utilizzo e i materiali resistenti con cui è costruita. E non sono solo questi i motivi per cui vale la pensa acquistarla, scoprili tutti cliccando su Bosch GSS 23 AE Professional.

 

Levigatrice orbitale: perché preferirla alle altre carteggiatrici?

Paragrafo dedicato a chi non conosce bene una levigatrice orbtiale e si sta ponendo il quesito: “Perché mai dovrei acquistarla? A cosa può servirmi?
Allora, rispondiamo andando per ordine.
La levigatrice orbitale vanta la presenza di una piastra rettangolare su cui viene fissata la carta abrasiva. Grazie a dei movimenti rotatori l’utensile si presta per la levigatura fine di svariati materiali (legno, metallo, alluminio, ecc.). Non asporta, quindi, grosse quantità di materiale. Questa sua caratteristica la rende perfetta per i principianti, così si evitano eventuali errori dovuti all’inesperienza.
Ideale per le grandi superfici?
Assolutamente sì. Si presta anche per le grandi superfici.
Ideale per angoli e bordi?
Sì.
Per cosa invece non è adatta?
Quando il lavoro si fa duro e c’è da asportare una grossa quantità di materiale questa carteggiatrice non fa più al caso tuo. E non fa al caso tuo nemmeno se bisogna lisciare un oggetto circolare (in tal caso meglio la levigatrice rotorbitale).

 

Levigatrice orbitale palmare: occhio alle “sotto-tipologie”

levigatrice orbitale palmareQuesto è un paragrafo un po’ particolare e che abbiamo deciso di portare ben presto sotto la tua attenzione.
Perché è particolare?
Perché vi sono più tipi di levigatrici che utilizzano il movimento orbitale per carteggiare i vari materiali. E si differenziano tra loro perché non tutte adottano lo stesso platorello e non tutte vantano le stesse dimensioni. Diversità che ci permettono di classificare altre due sotto-tipologie: le orbitali palmari e le palmari orbitali a delta.

Levigatrice palmare orbitale: la versione mini

Precisiamo come la levigatrice palmare (detta anche “mouse”) è un utensile di mini dimensioni che si utilizza con una sola mano. Solitamente presenta un base di levigatura a forma di ferro da stiro e ciò la rende ideale per levigare anche i punti più difficili. Tuttavia, quando parliamo di levigatrici palmari orbitali ci riferiamo a quei modelli che non hanno alcuna base triangolare e che, quindi, ricordano per filo e per segno una classica carteggiatrice orbitale (solo decisamente più piccola).
In alcuni particolari modelli è prevista l’aggiunta, alla base, di un ulteriore profilo di levigatura, così da carteggiare con facilità anche oggetti “difficili” come le persiane. Un esempio di tale utilità è il modello Makita BO4566.

Levigatrice palmare orbitale e a delta: la versione mini ancor più precisa

A differenza di una levigatrice orbitale palmare il modello anche a delta vanta un doppio platorello. Quindi avrai la possibilità di usare l’utensile sia con una piastra triangolare (maggiore precisione) e sia con una piastra rettangolare. Questi utensili sono anche conosciuti come levigatrici multifunzione e tra i migliori in commercio non possiamo non segnalarti la Bosch Universal psm 200 aes e la Makita BO4565K.

 

Levigatrice orbitale: elettrica, a batteria o pneumatica?

Passiamo adesso ad evidenziare quale altre tipologie scegliere. Stavolta però ci riferiamo al tipo di alimentazione. Infatti, le carteggiatrici orbitali (ma ciò vale anche per i modelli a nastro, le rotorbtiali, ecc.)  si distinguono in: elettriche, a batteria e pneumatiche. Utensili che hanno gioco forza delle caratteristiche diverse che abbiamo attenzionato nei prossimi tre sotto-paragrafi.

Levigatrice orbitale elettrica

In commercio è possibile trovare ormai molti utensili che hanno bisogno dell’elettricità per funzionare e anche in questo caso si può trovare una levigatrice orbitale elettrica. Si tratta di modelli che si lasciano preferire perché sono i più performanti e quelli che vantano una durata di utilizzo superiore.
Non preoccuparti per la bolletta perché queste levigatrici, come tutto ormai, sono state realizzate con una tecnologia che permette di ridurre il consumo dell’energia elettrica.
Tra i modelli migliori consigliamo Einhell TH-OS 1520 (agli hobbisti non esigenti), Makita BO3711j (ai più esigenti) e Metabo sre 4351 Turbotec (ai professionisti).

Levigatrice orbitale a batteria

La levigatrice a batteria è molto comoda da usare, visto che non deve essere attaccata alla presa elettrica (lasciandoci quindi più spazio di manovra per l’assenza del cavo). L’unica pecca è il fatto che la batteria non può garantire la stessa costanza di utilizzo che invece garantisce una levigatrice elettrica.
Specifichiamo come non tutti i modelli sono già forniti di batteria e caricabatteria, proprio per questo a volte il prezzo può trarre in inganno. E visto che siamo in tema di “costi”, vogliamo mostrarti queste offerte.

Levigatrice orbitale pneumatica

La levigatrice orbitale pneumatica o anche chiamata levigatrice orbitale ad aria compressa è un macchinario che non ha bisogno dell’elettricità per svolgere il proprio lavoro. Rispetto alla due citate in precedenza (elettrica e batteria) necessita di un compressore ad aria da cui attingere “energia”.  Compressore che deve avere delle adeguate capacità (leggi per ulteriori info l’articolo sulla levigatrice ad aria compressa).
Dal punto di vista economico questi modelli non costano molto, come dimostrato da questi prezzi.

 

Carteggiatrice orbitale: i principali utilizzi

Passeremo ora a descrivere alcuni dei più comuni utilizzi che riguardano questa tipologia di levigatrice.  Se non sai molto su questo utensile ti sorprenderà sapere come sia davvero versatile. Quindi, senza perdere ulteriormente tempo, ecco i tre principali utilizzi (nel corso della lettura ti forniremo anche degli ulteriori link di approfondimento).

Levigatrice orbitale per muri

Devi dipingere un muro? La parete di casa non va più bene?
Nessun problema. Così come abbiamo sentito dire ad un anziano saggio, il cui motto era: “Se ci sono problemi, non ci sono problemi”, non disperarti perché la tua levigatrice orbitale si adatta anche alla carteggiatura delle pareti. E a proposito di levigatura delle pareti, potresti trovare interessante leggere l’articolo: “Levigatrice per muri“,  dove consigliamo le migliori carteggiatrici adatte per tale scopo.

Levigatrice orbitale per legno

Ovviamente la levigatrice è un ottimo strumento pure per le superfici in legno. Materiale con cui non avrai mani alcuna difficoltà qualsiasi sia la levigatrice orbitale utilizzata (a patto che si tratti di un buon prodotto).  Tra i modelli adatti per il legno non possiamo non citare la Bosch Professional GSS 230 AE.

Levigatrice orbitale per carrozzeria auto

Questi strumenti possono essere utilizzati anche nell’ambito della carrozzeria. Sia da chi esercita il mestiere del carrozziere e sia da chi vuole prendersi cura della propria auto senza rivolgersi ad un professionista, A tal proposito potresti leggere l’articolo: “Levigatrice per carrozzeria auto“, pagina dove attenzioneremo offerte e ti daremo una mano a rispondere ad alcuni dei più classici dilemmi).

 

 

Levigatrice orbitale: prezzi convenienti?

Parlando di levigatrici orbitali ideate per un uso da fai da te, i prezzi sono davvero alla portata di tutti. Possono costare anche meno di un invito a cena con l’amore della tua vita. Al contrario i modelli professionali vantano un costo meno alla portata, motivo per il quale molti hobbisti preferiscono acquistare un utensile meno performante, ma più economico. Ciò non significa che la carteggiatrice hobbistica non sia ugualmente in grado di soddisfare le proprie esigenze (purché si parli sempre di compiti non professionali).